Contenuto principale

Messaggio di avviso

Organi collegiali della scuola

La scuola italiana si avvale di organi di gestione, rappresentativi delle diverse componenti scolastiche, interne ed esterne alla scuola: docenti studenti e genitori.
Questi organismi a carattere collegiale sono previsti a vari livelli della scuola (classe, istituto)
I componenti degli organi collegiali vengono eletti dai componenti della categoria di appartenenza; i genitori che fanno parte di organismi collegiali sono, pertanto, eletti da altri genitori.
La funzione degli organi collegiali è diversa secondo i livelli di collocazione: è consultiva e propositiva a livello di base (consigli di classe e interclasse); è deliberativa ai livelli superiori (consigli di circolo/istituto, consigli provinciali).
Il regime di autonomia scolastica accentua la funzione degli organi collegiali.

Gli organi collegiali del nostro istituto sono:
• II Consiglio di intersezione o di interclasse
• II Consiglio di Istituto e la Giunta Esecutiva
• II Collegio dei docenti
• II Comitato per la valutazione del servizio dei docenti

Il Consiglio di istituto
II Consiglio di Istituto é formato (quando il numero degli alunni é superiore a 500) da 19 componenti:
8 rappresentanti del personale docente;
2 rappresentanti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario;
8 rappresentanti dei genitori;
il Dirigente Scolastico.
E' un organismo che resta in carica per 3 anni ed è presieduto da un genitore eletto tra i rappresentanti
dei genitori.
II Consiglio di Istituto elegge anche, al suo interno, i membri della Giunta esecutiva.
II Consiglio si riunisce in seduta pubblica (eccetto nei casi in cui si parla di persone) in media 4 o 5 volte
all'anno: possono assistere alle riunioni, senza diritto di parola, insegnanti, genitori e personale A.T.A.
I verbali delle riunioni sono agli atti della direzione e sono consultabili da chiunque.
I compiti principali del Consiglio di Istituto sono:
• Deliberare il Piano annuale e il conto consuntivo e disporre in ordine all'impiego delle risorse finanziarie per il funzionamento amministrativo e didattico dell’istituto
• Adottare il Regolamento interno dell'Istituto
• Adottare il Piano dell'Offerta Formativa e deliberarlo  per quanto di sua competenza
• Definire e deliberare il calendario scolastico
• Indicare i criteri generali relativi alla formazione delle classi e delle sezioni e al coordinamento  intersezione
• Deliberare sull'organizzazione e la programmazione della vita e dell’attività della Scuola, nei limiti che la legge gli assegna e fatte  salve le competenze del Collegio dei Docenti
• Promuovere contatti con altre scuole e istituti
• Deliberare in merito alla partecipazione della Scuola ad attività culturali, sportive, ricreative nonché allo svolgimento di iniziative assistenziali
• Esprimere parere sull'andamento generale, didattico e amministrativo dell'Istituto.

La Giunta Esecutiva
E’ formata dal Dirigente Scolastico, dal Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (membri di diritto), da
un docente, un non docente e due genitori eletti  all’interno del Consiglio di Circolo.
La Giunta Esecutiva predispone il piano annuale ed il conto consuntivo, prepara i lavori del Consiglio, fermo
restando il diritto di iniziativa del Consiglio stesso, e cura l’esecuzione delle relative delibere.

Il Collegio Dei Docenti
I compiti principali del Collegio dei Docenti sono:
• Elaborare e deliberare il Piano dell’Offerta Formativa per ciò che concerne gli aspetti didattici e formativi della Scuola, tenendo conto delle eventuali proposte dei Consigli di Interclasse e Intersezione
• Deliberare in merito al funzionamento didattico dell'Istituto, nel rispetto della libertà di insegnamento garantita a ciascun docente
• Formulare proposte al Dirigente Scolastico per la formazione e la composizione delle classi e delle sezioni, l'assegnazione dei docenti alle classi stesse, la formulazione dell'orario delle lezioni e per lo svolgimento delle altre attività scolastiche, tenuto conto dei criteri generali indicati dal Consiglio di Istituto
• Valutare periodicamente l'andamento complessivo dell'attività didattica per verificare l'efficacia in rapporto agli
obiettivi programmati, proponendo, se necessario dei correttivi per il miglioramento dell'attività scolastica
• Deliberare l'adozione dei libri di testo, dopo aver sentito il parere dei consigli di interclasse
• Provvedere agli acquisti dei sussidi didattici
• Adottare e promuovere, nell'ambito delle proprie competenze, iniziative di sperimentazione
• Deliberare il piano di formazione in servizio per i docenti dell'Istituto
• Eleggere i suoi rappresentanti nel Consiglio di Istituto e nel Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti
• Esprimere pareri, per gli aspetti didattici, in ordine alle iniziative dirette all’educazione alla salute
• Programmare ed attuare iniziative per il sostegno agli alunni diversamente abili.

Il Comitato per la Valutazione del servizio dei docenti
Procede alla valutazione del servizio dei docenti neoimmessi in ruolo, durante l'anno di formazione e, su richiesta degli interessati, alla valutazione del servizio dei docenti sulla base dei criteri fissati dalla normativa vigente.
E' formato dal Dirigente Scolastico e da docenti eletti annualmente dal Collegio dei Docenti.